Ai Mondiali di Sci d’Erba ancora oro per Chisaki Maeda e Martin Bartak. Italia sul podio con Buio e Gritti

Condividi sui social

Ancora Giappone e Repubblica Ceca, ancora Chisaki Maeda e Martin Bartak sul gradino più alto dei Campionati del Mondo di sci d’erba di Cortina d’Ampezzo. Venerdì 1 settembre sulla pista Roncato di Socrepes, ai piedi delle Tofane, la rassegna iridata ha proposto lo slalom. A portarsi a casa il titolo di campione del mondo sono stati la giapponese Chisaki Maeda e il ceco Martin Bartak che, tra le altre cose, riscattano entrambi alla grande la delusione per l’uscita di scena nel corso della seconda parte della supercombinata.

In testa al termine della prima manche, Chisaki Maeda ha fatto registrare il miglior tempo anche nella seconda, infliggendo alla fine distacchi abissali alle avversarie. Sul podio con l’atleta del Sol Levante salgono due ragazze della Repubblica Ceca: argento a Karolina Rasovska (staccata di 3”98”) e bronzo a Eliska Rejchrtova (+3”98). A completare la top five Sarka Abrahamova (Repubblica Ceca) e Tina Hetfleisch (Austria). Nona la prima delle azzurre, la bellunese Margherita Mazzoncini.

Se il dominio di Chisaki Maeda è stato schiacciante, risicata è stata la vittoria di Martin Bartak. Il campione ceco si è infatti imposto per appena 8 centesimi sul trentino Daniele Buio e per 67 sul lombardo Lorenzo Gritti. Secondo, con un distacco di 30 centesimi da Gritti al termine della prima manche, il campione ceco ha saputo recuperare nella seconda, portandosi a casa il secondo oro della rassegna iridata ampezzana. Terzo dopo la prima manche, anche Buio ha recuperato una posizione, portandosi a casa un argento di grande soddisfazione. Ha invece il sapore del rammarico il bronzo di Lorenzo Gritti che non ha saputo mantenere il bottino di centesimi di vantaggio che aveva accumulato nella prima parte di gara. Molto bravo anche un altro azzurro: il giovanissimo trentino Andrea Iori.