Torna la coppa del mondo di sci femminile

Home | Cortina Ski World Cup | Torna la coppa del mondo di sci femminile

Data di pubblicazione: 11 Ottobre 2021

Torna la coppa del mondo di sci femminile

A Cortina d’Ampezzo, nel weekend del 22 e 23 gennaio 2022

Durante i recenti meeting della FIS, tenutisi on line nell’ultima settimana di settembre, è stato ufficializzato il ritorno della Coppa del Mondo di sci femminile a Cortina d’Ampezzo, dopo il biennio impegnato dalle Finali di Coppa del Mondo 2020 (poi annullate per la pandemia) e il Mondiale di sci dello scorso febbraio 2021.

Le atlete del Circo Rosa torneranno quindi a sfidarsi sulla storica pista Olympia delle Tofane nelle giornate del 22 e 23 gennaio 2022, con una gara di discesa libera al sabato e una di super G alla domenica.

Questo evento sarà il primo del nuovo ciclo di lavoro che vedrà Cortina prepararsi per i Giochi Olimpici del 2026; in attesa di formalizzare la costituzione della nuova “Fondazione Cortina”, sarà la FISI, titolare dei diritti di organizzazione della Coppa del Mondo, a gestire dal punto di vista sportivo l’evento, con il coinvolgimento del team operativo che ha curato Cortina 2021.

La sinergia tra FISI e Comune di Cortina d’Ampezzo, dopo l’ottima esperienza di cooperazione nella Fondazione Cortina 2021, ha come obiettivo quello di mantenere lo standard qualitativo della Coppa raggiunto nell’edizione 2019: Cortina punta a pieno titolo, con il supporto della Federazione Internazionale, a mantenere il ruolo di principale Classica del calendario femminile, grazie all’unicità della pista Olympia delle Tofane, alla grande tradizione tecnica del comitato organizzatore e alla ben conosciuta accoglienza che fa sentire tutto il Circo Rosa “di casa” tra le Dolomiti.

L’esperienza dei Mondiali ha dimostrato la capacità di Cortina di gestire grandi eventi di sci alpino, sia maschili che femminili, con ottima competenza organizzativa: un’eredità importante, che vuole essere messa a frutto per ospitare future competizioni di livello internazionale.

Fondazione Cortina” sarà quindi l’ente che curerà l’organizzazione dei principali eventi sportivi invernali sul territorio Veneto negli anni a venire e che agirà poi da Comitato Organizzatore locale per l’Olimpiade 2026, in coordinamento con la Fondazione Milano Cortina 2026. “Fondazione Cortina” ha come soci fondatori il Comune di Cortina d’Ampezzo, la Regione Veneto e la Provincia di Belluno, e coinvolgerà fin dal principio le realtà del paese, quali il Consorzio
Impianti a Fune, l’Associazione Albergatori e lo Sci Club Cortina. L’obiettivo sarà non solo l’organizzazione tecnica di grandi eventi sportivi, ma anche il coinvolgimento di aziende e brand per la promozione e valorizzazione del territorio.

Siamo orgogliosi di continuare la collaborazione con la FISI – dice il Sindaco di Cortina d’Ampezzo Gianpietro Ghedina – e di ripartire con un nuovo progetto per Cortina e per il Veneto insieme alla Regione e alla Provincia. I Mondiali 2021 hanno dimostrato che i grandi eventi sportivi possono essere un motore per tutta la Regione. Il lavoro che è stato fatto in questi anni è un investimento per l’organizzazione dei futuri eventi internazionali; le Olimpiadi del 2026 costituiscono un obiettivo fondamentale per il nostro territorio, un volano per le aziende e le comunità della nostra Regione.

La FISI supporta la Coppa del Mondo di Cortina con l’ambizione e la volontà di creare un grande evento sportivo – dice il presidente FISI Flavio Roda – ma anche con il chiaro intento di portare risorse a favore delle attività sportive del territorio”.

Ti potrebbe interessare anche…

Fondazione Cortina pronta alla nuova sfida

Fondazione Cortina pronta alla nuova sfida

Il Consiglio di Indirizzo e il Consiglio di Amministrazione hanno approvato le prime nomine e attivato i primi strumenti operativi dando il via ai lavori per l’organizzazione dei prossimi eventi sportivi a Cortina d’Ampezzo e aprendo il dialogo con Fondazione Milano Cortina 2026

leggi tutto
Daniel Antonioli firma la prima edizione di Alpinathlon

Daniel Antonioli firma la prima edizione di Alpinathlon

Il lombardo del Centro sportivo Esercito, specialista del winter triathlon (in questa specialità ha saputo vincere un oro, cinque argenti e due bronzi ai Campionati del mondo) ha portato a termine la propria fatica in 1h18’01”, precedendo di oltre 6’ il bellunese di Lozzo di Cadore Olivo Da Prà (1h24’16”) e l’altoatesino Jan Paul Adang (1h24’16”).

leggi tutto